Mi piacerebbe

Mi piacerebbe…
Mi piacerebbe incontrarti il giorno del tuo compleanno, festeggiare come se non fosse mai successo nulla, rivederci magari a Milano all’ostello bello, o perché no qui a Napoli. Non voglio sapere nulla. Quando sarai pronta sarai tu a dirmi tutto.
Mi piacerebbe rivederti e passare il capodanno assieme, dove vuoi ma con te, per non rimpiangerne un altro…
Mi piacerebbe che una di queste due date fossimo insieme al tuo compleanno non ci sono mai stato, non lhai mai festeggiato con me e 25, così come 30 è un bel traguardo..
Mi piacerebbe solo sentirti dire di sì. Milano, Napoli, Firenze o anche Genova o Savona perché no.
Mi piacerebbe rivederti. Son passati 4 mesi, per me molto è cambiato e chissà se il tuo processo di crescita continua.
Mi piacerebbe risentirti..
Mi piacerebbe rivederti
Mi piacerebbe riviverti.
Anche solo un week end.. Sine a quando con le tue ali insanguinate non sarai pronta a volare per sempre da me… Si mi piacerebbe e sarei pronto a farlo… E tu?
Buon mercoledì guerrieri ricchi di sogni e di amore

Aiden – vorrei amarti

Baby levati quei jeans
Che voglio farti fare un giro su di me
Non andare via da qui
Che ho perso così tanto che ora perdo te
Non ci importa quanto siamo stati bene
Ci lasciamo andare sempre se conviene
Però infondo io mi chiedo se conviene
Se lasciarci andare infondo non vuol dire stare bene
Non ti cerco più non mi cerchi più
Forse stavolta é finita lo sai anche tu
È da qualche mese che stiamo più giù
Senza più la forza per tirarci su
Non ti cerco più, non mi cerchi più
Forse sta volta é finita lo sai anche tu
È da qualche mese che stiamo più giù
Senza più la forza per tirarci su
Se mi guardi dentro sentiresti freddo
L’inverno che ho dentro non passerà più
Se mi guardi dentro vedresti che mento
Quando dico che io non ti voglio più
Come quella volta ti ricordi
Ci urlavamo tanto da diventare sordi
Che infondo anche se fai male mi piace quando mordi
Nella nostra debolezza siamo stati forti
Sei una cosa troppo bella mi perdo a guardarti
Sei la peggiore delle droghi quando è troppo tardi
Sei la tachicardia di notte che mi sveglia
Questa notte sono sveglio
E penso a quanto io vorrei amarti
Ma non guardarmi piu con quegli occhi
Che poi ci muoio poi te ne accorgi
Stringimi piu forte e dimmi sotto voce
Che andrà tutto bene
Che se non c’è piu futuro per noi
Lo costruiremo insieme
Se mi guardi dentro sentiresti freddo
L’inverno che ho dentro non passerà più
Se mi guardi dentro vedresti che mento
Quando dico che io non ti voglio più

Madame (l’anima)

Dimmi quanto ancora vuoi fare i capricci
Scambi i miei consigli per giudizi
Ora da quant’è che siamo zitti?
Come sei emotiva, mamma mia
Testa giù, è una follia
Mi vedessero in tua compagnia
Penserebbero che sono debole, non devono sapere
Che sei l’anima, sei la mia metà
Come sei fatta nessuno lo sa
Ehi, ehi, ehi, tristi (tristi)
Mi hanno detto che ho degli occhi tristi
Ti ho versato addosso fumo e whisky
Faccio certe cose e tu sparisci
Poi ritorni come per magia
Non andare più via
Ho sognato che ti avevo uccisa
Sai che ti amo, ho messo delle regole, non devono sapere
Che sei l’anima, sei la mia metà
Come sei fatta nessuno lo sa
Cerca dentro te e saprai, mi hai ferita
Guarda dentro me, non vedrai una nemica
Dimmi che sei ancora qua
Ehi, ehi, sei forte
So che ti ho tradito tante volte
Ti spingevo ad essere altre donne
Mi rallenti mentre il tempo corre
Dai, non dirmi che ora faccio il divo
Stai con me mentre scrivo
Sì, lo so, ti piace stare in giro
Ma è tutta la vita che cerco me stesso
Visto che mi hai scelto, ora parla
Cosa vuoi da me? Mi sono truccata male
È questo che non sopporti
Mi chiedi di prepararmi e dopo non mi porti
Sono la donna più bella che avrai
Ma mi nascondi
A volte sono tutto
Spesso sono niente
Mi cerchi come Dio, ma quando sei cenere
Ma non potrai dimenticare
Che sei l’anima, sei la mia metà
Come sei fatta nessuno lo sa
Cerca dentro te e saprai, mi hai ferita
Guarda dentro me, non vedrai una nemica

“Dimmi che sei ancora qua”

L’amore torna sempre

Stanno parlando di noi

Senza sapere chi siamo

Senza sapere la storia

E da dove veniamo

Stanno parlando di figli

Di sogni che noi avevamo

Dell’orco che arriva di notte

E ti porta lontano

Stanno parlando di me

Ma io non ci sono da tanto

E l’unico modo che ho è vivere senza rimpianto

Quindi dimentico tutto

Se non sei con me

Il tempo divide le strade

Le strade dividono te

È qualcosa che ti segue ovunque sei

È qualcuno che ti vede per come sei

Ho imparato che il dolore non sa aspettare

Ma l’amore torna sempre

È qualcosa che ti segue ovunque sei

È qualcuno che ti vede per come sei

Ho imparato che il dolore non sa aspettare

Ma l’amore torna sempre

Tanto non sanno di noi

Non sanno che cosa proviamo

Non sanno capire lo sguardo

Nessuno che tende la mano

Tanto non sanno del mondo

Nel quale viviamo

Della paura di vivere in fondo la vita che desideriamo

Tanto non sanno di me

E nemmeno io mi conosco

E l’unico modo che c’è è vivere senza rimorso

Quindi non dura per sempre se non sei con me

Il tempo divide le strade

Le strade dividono te

È qualcosa che ti segue ovunque sei

È qualcuno che ti vede per come sei

Ho imparato che il dolore non sa aspettare

Ma l’amore torna sempre

È qualcosa che ti segue ovunque sei

È qualcuno che ti vede per come sei

Ho imparato che il dolore non sa aspettare

Ma l’amore torna sempre

Le strade ti portano via

E sai che ti fanno cambiare

Se nessuno riconoscerà

Tutto il bene in mezzo a questo male

È qualcosa che ti segue ovunque sei

È qualcuno che ti vede per come sei

Ho imparato che il dolore non sa aspettare

Ma l’amore torna sempre

È qualcosa che ti segue ovunque sei

È qualcuno che ti vede per come sei

Ho imparato che il dolore non sa aspettare

Ma l’amore torna sempre

È qualcosa che ti segue ovunque sei

È qualcuno che ti vede per come sei

Ho imparato che il dolore non sa aspettare

Ma l’amore torna sempre

È qualcosa che ti segue ovunque sei

È qualcuno che ti vede per come sei

Ho imparato che il dolore non sa aspettare

Ma l’amore torna sempre

Ed io ti aspetterò… Ma sbrigati… Che non ne posso più di questa attesa.. Chiamami, scrivimi, dimmi che ci sei e che stai crescendo

Per un milione

Ti aspetterò
Perché sei tu che porti il sole
E non c’è niente al mondo di migliore
Di te, nemmeno vincere un milione
Ti giuro che l’attesa aumenta il desiderio
È un conto alla rovescia col tempo a rilento
Però ti sto aspettando come aspetto un treno
Come mia nonna aspetta un terno
Aspetterò che torni come aspetto il sole
Mentre sto camminando sotto un acquazzone
Come una mamma aspetta quell’ecografia
Spero che prenda da te
Ma con la testa mia
Ti aspetto come i lidi aspettano l’estate
Come le mogli dei soldati aspettano i mariti
Ti aspetto come i bimbi aspettano il Natale
Come i signori col cartello aspettano agli arrivi
E non è mai per me
Ti aspetterò
Come il caffè a letto a colazione
Come ad un concerto dall’inizio
Si aspetta il ritornello di quella canzone
Ti aspetterò
Perché sei tu che porti il sole
E non c’è niente al mondo di migliore
Di te, nemmeno vincere un milione
Non c’è niente al mondo
Che vorrei di più di te
Di più di quel che adesso c’è già fra di noi
Nemmeno un milione
Non c’è niente al mondo che farei io senza te
Perché io non ti cambierei nemmeno per
Nemmeno per un milione
Se mi cercherai io ti aspetto qui
Ti mando la posizione
Così se poi mi raggiungi
E poi ti stringo forte, questa volta non sfuggi
Non ti perderò più
Aspetterò che torni come aspetto il mare
Mentre sto camminando sotto il temporale
Come una mamma aspetta il figlio fuori scuola
Ti aspetto come chi vorrebbe riabbracciarlo ancora
Ti aspetto come il gol che sblocca la partita
Come le mogli dei soldati aspettano i mariti
Ma già l’attesa è fantastica
Noi come benzina in questo mondo di plastica
Ti aspetterò
Come il caffè a letto a colazione
Come ad un concerto dall’inizio
Si aspetta il ritornello di quella canzone
Ti aspetterò
Perché sei tu che porti il sole
E non c’è niente al mondo di migliore
Di te, nemmeno vincere un milione
Non c’è niente al mondo
Che vorrei di più di te
Di più di quel che adesso c’è già fra di noi
Nemmeno un milione
Non c’è niente al mondo che farei io senza te
Perché io non ti cambierei nemmeno per
Nemmeno per un milione

Buona serata…tutti innocenti o colpevoli?

Che ci vuole a prendersela con la gente?
Essa é frutto della società.
Tutti quei repressi, razzisti, sessisti, tutti quelli che sono sempre contro, che lottano per ridurre la felicità di altri per compensare la loro propria disperazione che spesso non sanno nemmeno di vivere.
È facile puntare il dito contro loro, quelli che sono usciti fuori di senno per via di questa società che trascina verso il baratro individuale.
Ma la società fa paura. Essa sopravvive a noi, a tutti. È piu facile vessare un Uomo, accusare un colore, disprezzare un genere, abusare sui piu deboli. la società ci sovrasta, dà delle indicazioni, mostra delle vie obbligate, e noi siamo troppo deboli, paurosi, per osare metterla in discussione.
Ci vogliono le parole per accusare, disprezzare, odiare, differenziare.
E ci vuole coraggio, ovaie o palle, per contrastare la società una cosa seria. Troppo seria per troppi.

Buona serata amici

Buongiorno a tutte le bestie e non

Magari qualcuno mi spieghi come si fa a postare le proprie emozioni.
Leggo il valore delle frasi, ma sento il calore delle braccia.
E non c’é slogan, o proverbio, o passaggio della bibbia o del corano, che riscaldi.
Il whiskey riscalda. Il cibo nutre. L’affetto riscalda. L’acqua, disseta.
Cosi sazi da competere. La noia ha preso il sopravvento sulla sopravvivenza. Si nasce in una corsa. Pronti, via.
Non é la morte l’arrivo. Non per gli stupidi. Essi, vedono l’arrivo nel capitale, nella fede, nelle regole. Ma difatti, il percorso, semplicemente finisce col nulla. Da nati, si muore.
Magari qualcuno mi spieghi come si fa a spiegare la morte. Dato che manifestamente, siamo vivi, ma non sappiamo vivere.
Qualcuno mi spieghi. Il bene é cosi facile. Il male richiede costanza, dedizione, sforzo. Il sorriso, l’abbraccio, l’accoglienza, sono gesta naturali che appartengono all’Uomo.

Buongiorno bestie.

Buondì errante amici

Vado errando.
Lo sguardo verso il nulla.
In cerca di riflessi di te.
Le vie, piene, paiono vuote.
C’è assenza nel mio cuore.
Ed essenza di te nel tutto.
Non c’è rifugio, l’amore invade l’intimo.
Vado caminando. Sulle orme tue.
Seguo strade, nate dall’amore.
Sono nel mondo. Ma tu sei nel mio mondo.
Vado errando. Un senso cercando.

Buondì amici

Buon lunedì e buon risveglio

Mi sveglio con accanto la sua chioma riccia, la sua pelle di un colore indefinibile, liscia come la seta nessuna imperfezione, se non una sbavatura di panna ancora sul viso, postumi di una serata calda e passionale avuta ieri sera qui nel letto.

Marocchina di origini, dolce e calda come una mattinata primaverile, mi perdo nei suoi capelli mentre con la mano cerco quel che resta di una canna iniziata ieri notte.

L’accendo e così come il caffè era per mio padre la sveglia il rumore dell’accendino è per lei ciò che la fa sussultare. Neanche di gira a guardarmi già sa… Buongiorno amo, ti amo…. Le sue parole mentre allunga un braccio nella mia direzione. Le passo ciò che resta di quel piccolo residuo di canna di fa due tiri me la ripassa e mi chiede… Ne fai un’altra o preferisci farti prima me…. Beh che risponderle….

Buon lunedì e buon risveglio… Io già so cosa scegliere… A dopo amici

Buona domenica amici

Da quella porta, forse, non entrerai mai più.
Ma dal mio cuore, sicuramente, non uscirai mai.

Buona domenica amici.